quellidiastharot
Intro Radio Theater Scuola d'Italia Projects
Proteus Free Fringe Festival 2016 @AstaroTheatro Archief voorstellingen
Voorstellingen 2016 Voorstellingen 2015 Voorstellingen 2014 Voorstellingen 2013 Voorstellingen 2012 Voorstellingen 2011 Voorstellingen 2010 Voorstellingen 2009 2008 en eerdere jaren AstaroTheatro @Free Fringe Festival 2016
La Papillon Anders Astaroth
Home Nederlands Italiano Contact

Astaroth

AstarothDen Haag 26 januari 2004

Utrecht 1 februari 2004

Amsterdam 8 februari 2004

 

Tekst: Stefano Benni

Regie en projectleiding: Roberto Bacchilega

Spel:

Sebastiano Gentile (Astaroth)

Marika Viano

Gino Calenda Di Tavani

Barbara Summa

Silvia Terribili

Daniela Tasca (licht en grime)

Stefano Vaiarelli (techniek)

Marco Fiorentini (keuze muziek)

 

Chi è Astaroth?

Un diavolo irrequieto che si trova a dover giudicare i mortali con l’ausilio delle moderne tecnologie.

Il suo compito non è sempre facile, anche perché col passare dei secoli questo compito gli è diventato sempre più pesante.

Gli spettatori colgono Astaroth in un momento un po’ particolare del suo millenario lavoro: deve giudicare e “smistare” le anime di alcune persone morte da poco durante un incidente stradale:

  • La prima anima è quella di un Uomo. Egli rappresenta il tipico materialista e arrampicatore sociale. È un personaggio meschino che pur di raggiungere il successo non si fa scrupoli di nessun tipo. Può però diventare un vigliacco qualora incontri qualcuno più forte di lui.

  • La seconda anima è quella di una Giovane Ragazza. È una figura frizzante e divertente che apparentemente è socialmente e culturalmente impegnata, ma che in realtà si comporta secondo gli slogan e gli stereotipi di un certo intellettualismo di sinistra. Scopriremo che in fondo è soprattutto attratta dalla sensualità delle star cinematografiche.

  • Il terzo personaggio che si presenta ad Astaroth è un Camionista. Egli non è una vera e propria anima, giacché non è morto, suo malgrado. Attraverso questo personaggio capiremo, infatti, che a volte la morte è più desiderabile di una vita fatta solamente di duro lavoro e frustrazioni.

  • La quarta anima è quella di una Poetessa. Figura piena di elementi satirici, carica di perversioni e di isterico arrivismo, è un po’ la parodia di un mondo letterario svuotato di contenuti e dedito solo alla forma.

  • La quinta anima è quella di una Madre. Personaggio chiave a questo punto finale della rappresentazione teatrale. Lei è testimone della metamorfosi in atto che sta interessando il diavolo Astaroth. Ancor di più, con la sua sola presenza la Madre fa sì che questo cambiamento, questa catarsi di Astaroth si compia totalmente.

A questo punto i fatti si sono compiuti e Astaroth può finalmente concludere il suo percorso, che poi corrisponde anche alla fine della rappresentazione.

 

Astaroth si pone e pone al pubblico una serie di interrogativi inquietanti: “Qual è il ruolo della giustizia?”, “Che senso ha giudicare se poi si commettono nuovi crimini che a loro volta esigono un giudizio?” e ancora “Come trovare la giusta via di mezzo per tutti coloro che non si sentono rappresentati dal concetto di bene e di male come termini assoluti?”

Nonostante la serietà di queste tematiche Astaroth e le anime che gli appaiono in attesa di giudizio, riescono a divertirci e a sorprenderci. E così la risata arriva immediata tra il pubblico, grazie alla grande ironia del testo di Benni così pieno di satira, di paradossi e di umorismo raffinato.

 

Scuola d'Italia - Onda Italiana - Quelli di Astaroth - Sint Jansstraat 37 - 1012 HG Amsterdam - tel. +31 6 25382491 - info@ondaitaliana.org - © Copyright 2005-2016